Foto di Jon Tyson

Perché Fifty è la nuova era per il lancio di una startup

Un diverso tipo di startup: una vita in preparazione

"Se non lo faccio ora, quando?"

I miei amici sembrano preoccupati di aver lasciato il mio lavoro per iniziare un'attività in proprio. "Sei pazzo?" - hanno chiesto - "Perché lasciare la sicurezza e il comfort di un ruolo senior ben pagato in una delle più grandi società di marketing di Chicago?"

"Perchè no?"

Non aspettare il momento giusto per presentarti. Crea invece il momento giusto. Questo è sempre stato il motto della mia vita.

Ma ho anche un altro motivo. Ho appena compiuto cinquant'anni. Se non lo faccio ora, quando?

Perché Fifty Is the New Black

I vincitori del premio Nobel per la fisica hanno fatto le loro scoperte, all'età di 50 anni (in media) secondo questo studio. Mostra anche che il picco della loro creatività sta aumentando ogni anno.

Non sto affatto cercando di navigare sull'onda dei premi Nobel. Voglio semplicemente fare un punto: sfidiamo lo stereotipo dell'imprenditore.

Normalmente associamo l'imprenditorialità ai giovani. Questo perché abbiamo più familiarità con un lato dello spettro della creatività: sfidare le convenzioni per non avere le competenze adeguate. I giovani vedono le cose con occhi nuovi. E chiedi: "E se?"

La competenza ostacola l'innovazione. Una volta che abbiamo imparato come funzionano le cose, smettiamo di porre domande.

Fare sempre la stessa cosa non è vera esperienza ma solo ripetizione.

Quando superiamo la nostra competenza, la nostra prospettiva cambia. Imparare cose nuove e una ricca esperienza di vita, aumenta la nostra capacità di combinare diversi elementi.

Le persone di età pari o superiore a 50 anni iniziano a collegare cose che sembrano, apparentemente, non connesse.

NON avrei potuto avviare la mia nuova società in giovane età.

Non ero pronto ad affrontare il cambiamento come lo sono ora. Mi ci sono voluti decenni di attività commerciale e sperimentazione per creare le connessioni. Essere pronti ad aiutare gli altri ad affrontare il cambiamento.

Gli imprenditori si allenano per avere successo

"Prima che tu (...) effettui la tua prossima transizione professionale, prenditi tutto il tempo necessario per sviluppare le competenze necessarie per svolgere bene quel lavoro." - Jeff Goins

Consapevolmente o no, ho preparato tutta la mia vita per questa nuova avventura. Ho lavorato nella strategia di marketing per molti anni. Ho costruito una reputazione, ero bravo e mi è piaciuto farlo.

Ma, ad un certo punto, mi sono reso conto che stava diventando troppo facile per me. E sono sempre stato contrario al comfort.

A tutti ci viene offerta l'opportunità di vivere i nostri sogni. Ma solo pochi di noi scelgono di seguirli.

Quindici anni fa, ho lasciato il mio lavoro per aprire un negozio digitale. Il mio capo a quel tempo non credeva nel potenziale del marketing digitale. Così ho deciso di creare la mia compagnia. È andata bene. In realtà ho venduto il mio negozio a un gruppo di detenzione globale. Successivamente, mi hanno trasferito dall'Argentina a New York per avviare da zero un'agenzia di marketing. Poi vennero LA e Chicago.

Sperimentare nuove città e nuove culture ha ampliato ulteriormente la mia mente e la mia curiosità. Una volta che attraversiamo la linea, smettiamo di preoccuparci delle linee. Ci innamoriamo dell'esplorazione del mondo che ci rivela di fronte.

Ho continuato a sfidare me stesso, imparando Design Thinking, auto-organizzazione, agile, ecc. Mi sono approfondito nell'innovazione e nella community di startup, fornendo consulenza agli imprenditori di Chicago. Ho imparato molto guidando e trasformando diverse culture organizzative. Dal modo in cui il lavoro è organizzato, a titoli e gerarchie stimolanti. Dal ripensamento delle esperienze di progettazione dello spazio, al collegamento di passioni personali e professionali sul luogo di lavoro.

Ad un certo punto, sono diventato consigliere di molti leader anche nel loro percorso di sviluppo personale.

Ispirare e allenare gli altri ad allungarsi oltre la loro zona di comfort si è trasformato in una passione. Ma ci sono arrivato grazie alle mie capacità ed esperienza precedenti. Mi ci sono voluti più di venti anni per approdare all'intersezione tra sviluppo personale, innovazione e cambiamento di leadership.

È come se stessi preparando tutta la mia vita a diventare un imprenditore.

L'impatto che voglio creare

“Mai nella storia dell'umanità il cambiamento è mai accaduto così in fretta. E non sarà mai più così lento. ”- Graeme Wood

Il cambiamento fa emergere il meglio di noi quando ci adattiamo anziché resistere.

L'adattabilità è diventata un vantaggio competitivo. Sia nella nostra vita professionale che personale.

Sfortunatamente, il cambiamento può essere minaccioso per molte persone. Il nostro rapporto con la trasformazione è molto complesso. La maggior parte delle persone ammira i fabbricanti di cambiamenti, ma fa fatica a cambiare se stessi.

Lo stesso succede alle organizzazioni. Riconoscono che il cambiamento è un imperativo. Eppure non preparano i loro team a diventare più adattivi.

Ho condotto diversi seminari sul cambiamento, interagendo con professionisti molto intelligenti e di alto livello. E c'è sempre un tema ricorrente: le organizzazioni non forniscono loro uno spazio sicuro.

È difficile per me ingoiare.

La sicurezza psicologica è la chiave per costruire una squadra forte. Tuttavia, invece di sentirsi sicuri di sperimentare e correre rischi sul lavoro, alle persone viene chiesto di lasciare la propria anima a casa.

Voglio cambiarlo.

Cambia la leadership con uno scopo

"Allunga la tua mente, allunga il tuo mondo". - Liberazionista

Gli eventi imprevisti incidono sempre sulle nostre vite. Quando un nuovo leader prende il comando. Oppure viviamo una perdita familiare. O quando una squadra di successo perde il suo mojo e inizia a ripetersi.

E come reagiamo? Resistiamo al cambiamento. E questo provoca sofferenza.

Il cambiamento fa male. Ma fa meno male se sei pronto ad affrontarlo.

Questo è lo scopo della mia nuova impresa. Per aiutare le persone, i team e le organizzazioni a adattarsi al cambiamento.

Prima di praticare qualsiasi sport agonistico, allunghiamo i muscoli e ci riscaldiamo. Non solo per evitare infortuni, ma anche per assicurarci di poter giocare al nostro massimo potenziale. Lo stesso vale quando si affrontano i cambiamenti. Le nostre mentalità e comportamenti devono allungarsi. Dobbiamo riscaldarci per essere al meglio.

Ho fatto i collegamenti e ho visto un'opportunità. Avviare una scuola di leadership per il cambiamento per aiutare le persone a prepararsi, adattarsi e prosperare nel cambiamento.

Fornendo formazione, coaching e consulenza possiamo colmare il divario tra università e consulenza:

  • Preparare i team a superarci in astuzia, a non dipendere da noi (come fanno i consulenti tradizionali).
  • Dare priorità ai progetti e alla sperimentazione nella vita reale, anche su dogmi rigidi (come fanno molte scuole).

Il nostro modello si chiama "Stretch for Change". Perché quando allunghi la mente, allunghi il mondo intorno a te.

Non hai nulla da perdere è un consiglio stupido

Le migliori decisioni che prendi sono quelle quando hai la pelle nel gioco. È facile correre dei rischi all'inizio. L'idea di non avere "nulla da perdere" è sciocca.

Come dice il proverbio: "Nessun dolore, nessun guadagno".

Se non sei disposto a correre rischi o a fare sacrifici nella vita, è perché non sei veramente impegnato nel tuo obiettivo. Scusate.

L'allungamento per il cambiamento inizia a casa

“Le opportunità sono esterne. I limiti sono dentro di te ”- cose che dico a me stesso

Le persone temono il cambiamento. Non sto dicendo di no. Lasciare il mio lavoro non è stata una decisione facile. Non voglio presentare una versione eroizzata di me stesso. Sono spaventato da morire.

Ma la mia più grande paura è rimanere bloccata, non vivere del mio pieno potenziale.

Ecco alcune strategie che ho messo in atto per affrontare la mia paura del cambiamento.

Sono pienamente impegnato a farlo accadere. Chi mi conosce bene è libero dalla mia guida. Non voglio mai essere mezza incinta. Quando salto, lo faccio con convinzione. Finisco quello che inizio.

Mi sono preparato in anticipo. Ho trascorso ogni momento libero di notte o durante i fine settimana per prototipare e sperimentare come sarebbe stata la mia offerta. Ho fatto molte ricerche per rafforzare il mio modello. Ho scritto un libro che cattura il mio approccio alla leadership del cambiamento. Fondamentalmente, ho investito centinaia di ore personali in questo progetto, anche prima di lanciarlo.

Ho eliminato la pressione per guadagnare rapidamente denaro. Volevo evitare di prendere decisioni sbagliate come lavorare con un cliente o un progetto che non fossero la soluzione giusta. L'anno scorso ho venduto la mia casa e mi sono trasferito in uno più piccolo. Ho anche ridotto drasticamente i miei costi e il mio stile di vita. Per saltare, devi prima accovacciarti.

Buono a sapersi che mio figlio ha le spalle :)

Sto condividendo il viaggio con la mia famiglia. Mia moglie è stata una grande sostenitrice e fonte d'ispirazione. Come è sempre stata ogni volta che ho fatto un salto. Ho condiviso con i miei figli quello che stavo per fare ma, soprattutto, il perché. Invece di fornire ai tuoi figli i soldi per la loro istruzione, offri loro qualcosa di più importante: ispirarli ad essere autentici, a perseguire i loro sogni.

Non mi aspetto che il viaggio sia lineare. Mi sono perso molte volte prima. Ed era anche spaventato. Ma ho continuato a provare. Sono pronto a colpire di nuovo il muro. Il successo sta nel presentarsi e nel riprendersi. Il successo accade al resiliente. Ho imparato a fidarmi del mio istinto, a fidarmi di me stesso. Quando guardo indietro, tutto è caduto nel posto giusto.

Ho riacquistato il valore della libertà. Viviamo in un mondo libero eppure siamo costantemente tenuti in ostaggio da cose materiali o regole aziendali. Voglio sentirmi libero di fare - con la mia squadra - il nostro miglior lavoro possibile. Nessuna politica aziendale che imponga ciò che possiamo o non possiamo dire a un cliente. Nessuna pressione trimestrale sugli utili per vendere di più di ciò che possiamo effettivamente offrire.

"Sono italiano. Misuriamo le cose in generazioni, non in quarti. ”- Giacomo Guilizzoni

Ho 50 anni, ma ho ancora la mentalità di uno studente. Sono guidato da due domande: "Cosa succede se?" E "Cosa posso fare di meglio?"

Questa è la parte liberatrice della mia nuova mossa di carriera.

Ecco perché ho chiamato la mia scuola di leadership per il cambiamento, liberalista. Per liberare il vero potenziale delle persone. In modo che prosperino nel cambiamento.

Non ti conosco Ma sono convinto che 50 anni siano l'età perfetta per diventare imprenditori. Adesso più che mai.

Prima che tu vada

Se sei interessato a saperne di più sulla nostra Change Leadership School, vai qui: http://liberationist.org o segui la nostra pubblicazione Medium: Stretch for Change per pensieri su Leadership, innovazione e trasformazione culturale.