Foto di Jonathan Francisca su Unsplash

13 potenti azioni che i grandi leader intraprendono per costruire grandi squadre

"Un leader è qualcuno che dimostra ciò che è possibile." - Mark Yarnell

La leadership non è sempre carina. In realtà, spesso è esattamente il contrario. Non importa se qualcuno ha un decennio nel suo ruolo di leader o un giorno, sono altrettanto sensibili a costosi errori e fallimenti.

Quindi, siamo meravigliati quando assistiamo a un leader che sembra fluire senza sforzo nei loro comportamenti altamente efficaci. Questo non è per caso. E non è semplicemente spuntando le caselle in un elenco di cose da fare.

I leader che ammiriamo di più hanno un modo distinto su di loro: un livello di preparazione quasi scioccante nelle situazioni più difficili.

Non arrivano qui dall'oggi al domani. Arrivano in virtù dell'azione.

I risultati sono lenti e il riconoscimento per tali risultati è ancora più lento. Ma ecco un po 'di quello che fanno:

1. Hanno apparecchiato la tavola

"La leadership si sta assumendo la responsabilità mentre gli altri stanno inventando scuse". - John C. Maxwell

Per quanto sia importante per il successo di un'organizzazione, il casting per la visione da solo non porterà la squadra dove deve andare. La rappresentazione della rotta è fondamentale, ma anche il modo di guidare la nave è altrettanto importante.

I grandi leader stabiliscono accordi su questo fronte, chiedendo il permesso di ritenere i membri del team responsabili per il meglio che possono essere - al contrario di nascondere i dipendenti con il loro stile di sviluppo unico (e forse rigido). Danno sempre una scelta al loro popolo.

Avendo una conversazione in anticipo con ciascun membro del team e chiedendo di tenerli ai più alti standard rispetto al raccontare, si forma un senso di comunità. All'interno di una comunità, c'è un senso di libertà. Dove c'è un senso di libertà, le persone prosperano.

2. Non trattano tutti allo stesso modo, ma trattano tutti con lo stesso livello di rispetto

I migliori artisti rimarranno i migliori a condizione che siano mantenuti in quel grado distinto. Più alto è il livello di conversazione, più alto sarà un dipendente che si allungherà.

I grandi leader ne sono consapevoli, facendo attenzione al tipo di discorso a cui ogni membro del team è esposto. Esporre un uomo di alto livello a una discussione o aspettativa di livello inferiore e prepararsi a sentire lo stridio dei freni.

Tuttavia, indipendentemente dal potenziale percepito di ciascun membro del team, i grandi leader danno rispetto - sempre. L'obiettivo è aiutare ogni persona a raggiungere il massimo del proprio gioco, non necessariamente il massimo dell'organizzazione. I dipendenti non saranno disposti a fare i sacrifici necessari per farlo se non provano un enorme rispetto da parte di chi chiama i colpi.

3. Non smettono mai di allenare

Per i leader più efficaci, il tempo è prezioso.

Di conseguenza, deve essere massimizzato. Non importa se è una conversazione laterale a scaldarsi la mattina o alla fine della giornata quando c'è solo una persona rimasta in ufficio, i leader ne approfittano. Ogni volta che aprono la bocca nella direzione di un membro del team è un'opportunità per fornire un feedback, che sia positivo o costruttivo. Lo fanno così spesso che passa lentamente dal sentirsi formale al prendersi veramente cura.

Il coaching non finisce solo con i membri del team. Fanno scappare il volume del dialogo di coaching semplicemente per il fatto che sono disposti a raccontarlo su se stessi prima di chiunque altro. Questa umiltà rinfrescante apre le porte alla massima assunzione del messaggio consegnato, senza la nebbia confusa di emozione o resistenza.

4. Investono su se stessi ogni giorno

“La leadership è un'opportunità per servire. Non è una tromba chiamata all'importanza di sé. ”- Donald Walters

Per tutte le routine di "mattina miracolosa" disponibili per noi oggi, puoi scommettere che il leader a cui guardi di più sta eseguendo una di esse.

I grandi leader capiscono che non sono, né lo saranno mai, un prodotto finito. Se cessano di prendere conoscenza, il sottoprodotto sarà la loro squadra è trattenuta opportunità di crescita e soffre.

Queste persone ottengono che la loro azione (o inazione) ha un effetto a catena. Che si tratti di saltare un giorno di lettura, un giorno di allenamenti, un giorno di alimentazione pulita o una buona notte di sonno, tutto ha conseguenze che vanno ben oltre l'individuo.

I grandi leader fanno tutto il possibile per mettersi in uno stato di picco, non per il proprio vantaggio, ma perché la squadra ci mancherà se non lo fanno.

5. Imparano dagli errori passati, non dai successi passati

“Essere positivi in ​​una situazione negativa non è ingenuo. È leadership. ”- Ralph Marston

È estremamente prezioso celebrare le vittorie nella tua organizzazione mentre si verificano. Un sacco di tempo, sforzi ed energie vanno a compimento su un piano di gioco strategico e l'esecuzione ad alto livello - e grandi leader lo riconoscono.

Ciò che non fanno, tuttavia, è così preso dal pensare che solo perché qualcosa ha funzionato in passato, funzionerà in futuro. Se entri in una partita di boxe combattendo esattamente lo stesso stile che hai fatto nel tuo precedente combattimento, andrai al vento stordito da te.

Perché?

Perché proprio come un combattente, le persone e il mercato si adattano.

Quelle che sembrano essere lezioni più senza tempo (ma non altrettanto divertenti) sono gli errori. I tempi in cui non siamo stati all'altezza. Il motivo per cui le biografie di persone di successo sono così preziose da leggere è che riesci a vedere i fallimenti che hanno avuto sulla via delle vittorie. Puoi vedere cosa li ha portati a realizzare il loro apice nel corso di un decennio, invece di cinque anni. Inoltre, c'è molto di ciò che hanno elencato, ma c'è altrettanto di ciò che non hanno fatto.

I grandi leader apprezzano i fallimenti perché comprendono che ognuno lascia un indizio per una strada più rapida verso il successo.

6. Ricevono un massiccio buy-in dal loro cerchio interno

"La leadership di solito inizia con un cuore pronto, un atteggiamento positivo e il desiderio di fare la differenza." - Mac Anderson

I grandi leader sono ancora persone. Non sono macchine. Ciò significa quanto spingono e si allungano, non hanno abbastanza tempo per creare una relazione profonda e vulnerabile con ogni singolo dipendente.

Nel tempo, può succedere? Sicuro. Ma massimizzare il legame tra loro e alcuni attori chiave avrà un impatto sulla cultura due volte più veloce.

Quando avevo 19 anni, ho iniziato la mia carriera professionale come personal trainer. Intimidito dalla prospettiva di sviluppare una base di clienti di 20 o più, l'ho guardato su scala minore. Ho pensato che se potessi avere da tre a cinque clienti e trattarli come se fossi un amato membro della famiglia, mi porterebbero gli altri 15.

Ho finito con 30 clienti.

I grandi leader sfruttano il loro cerchio interno per diffondere la loro influenza. Per quanto siano efficaci, sono ancora umani.

7. Si consultano con il loro team prima di apportare modifiche che li influenzeranno

Quanti aggiornamenti delle procedure operative standard hai ricevuto nell'ultimo anno?

Il tuo piano comp è cambiato in tutto quel tempo?

Che ne dite di modifiche ai pagamenti della PTO e al rollover annuale?

Qualcuno si è consultato con te prima di apportare queste modifiche?

Se lo facessero, stai lavorando per una solida leadership.

In un'epoca in cui le aspettative delle persone nei confronti dei loro leader sono più basse che mai (in parte a causa del fatto che le persone sono più ciniche che mai, ma comunque), incluso il tuo team nel processo decisionale contribuisce notevolmente a stabilire fiducia e impegno.

Indipendentemente dal fatto che tu finisca per attuare l'idea di cui sono più appassionati, il fatto che abbiano avuto lo spazio per dire la loro pace sulla questione significa tanto quanto ricevere il risultato che desideravano di più. In effetti, se l'opzione di includerli in una decisione che non vogliono fosse contraria a escluderli in una decisione che desiderano, il primo genererebbe comunque maggiore fiducia.

8. Mantengono profonda la loro panchina

A causa della loro natura di sempre (ok, il più delle volte) essere in modalità coaching, i leader fantastici sono sempre alla ricerca del capo dipartimento successivo. Capiscono che il business non regge sempre la vita per alcune persone e quando arriva quel momento, devono avere qualcuno attrezzato per la produzione per consegnare la palla.

Il reclutamento e lo sviluppo sono il pane e il burro di grandi leader. Questo è il loro punto debole. Dall'impostazione del tono con l'onboarding alla possibilità stimolante con la formazione continua, i grandi leader pensano sempre a chi sarà il prossimo nella fila.

9. Praticano il "rapporto di impegno"

Ogni membro del team è unico. Hanno diversi punti di forza e di debolezza, sì, ma forse dove spaziano di più è la loro forza mentale.

Quando un membro del team viene lasciato a lavorare da solo o in un ambiente che conosce come il palmo della sua mano, i suoi pensieri appaiono più luminosi e più colorati del solito.

A volte questi sono positivi, ma considerando che qui abbiamo a che fare con esseri umani, è lecito ritenere che molti saranno negativi. Questi non riguardano sempre direttamente il lavoro, ma poiché non siamo allineati in un'area, non siamo allineati in ogni area.

La maggior parte delle decisioni delle persone di abbandonare un'organizzazione si basa principalmente sull'emozione, non sulla logica. I leader lo ottengono e lavorano instancabilmente per starne davanti. Si rendono conto che ogni dipendente ha un rapporto di tocchi quotidiani o riconoscimenti che devono verificarsi per mantenere la capacità mentale della persona alla massima capacità.

Per i grandi leader ci sono grandi manager, poiché tutta la gestione è la gestione delle aspettative.

10. Assegnano la responsabilità prima che le persone siano pronte

La responsabilità genera empowerment. Un membro del team abilitato, anche se un po 'sopra la sua testa, supererà comunque i incontrastati, indipendentemente dal livello di talento.

Un grande leader sa lasciar andare la vite e lasciare che il membro del team faccia la chiamata, anche se sanno che si tradurrà in un fallimento.

Ottengono, al livello più profondo, il valore di far sperimentare qualcosa per se stessi e l'impatto che crea. Questo non può essere fatto tenendo le persone al guinzaglio. Assegnare alle persone la responsabilità prima che siano pronte dimostra convinzione e fiducia - due cose che se assenti da un'organizzazione, la distruggono immediatamente.

11. Chiedono feedback

"I grandi leader non devono agire con forza. La loro fiducia e umiltà servono a sottolineare la loro grandezza. ”- Simon Sinek

L'umiltà può essere la caratteristica più importante di un grande leader. L'influenza non è sostenibile senza provenire da un luogo di modestia.

Nonostante siano umili, i grandi leader sono sicuri in se stessi. E uno deve essere incredibilmente sicuro per creare uno spazio abbastanza sicuro per i dipendenti da offrire critiche costruttive sul loro leader.

È natura umana scuotere il ginocchio in giudizio o attivare un ascolto filtrato su qualcuno presumibilmente non dello stesso rango di te. Tuttavia, invece di sorvolare il feedback del dipendente, lo prendono per quello che è.

Un'opportunità per colmare il divario esistente tra il dipendente e il leader.

Ciò non significa che il leader approvi necessariamente l'opinione: si assumono semplicemente la responsabilità dei modelli di pensiero che il dipendente ha creato sul leader e lavorano per iscriverli in una nuova possibilità per il futuro.

12. Si allontanano

“Puoi fare quello che non posso fare. Posso fare quello che non puoi fare. Insieme, possiamo fare grandi cose. ”- Madre Teresa

A un certo punto, dopo mesi o addirittura anni di sviluppo deliberato da parte del leader, la squadra inizia a sbattere le ali.

Una delle azioni più preziose che un leader può intraprendere quando la sua squadra spara su tutti i cilindri (e si assume la piena responsabilità per conto dell'organizzazione) è quella di togliersi di mezzo.

Da qui, possono lavorare su una nuova visione mentre la magia si svolge davanti a loro.

13. Amano la loro gente

"Le persone dimenticheranno quello che hai detto, le persone dimenticheranno quello che hai fatto, ma le persone non dimenticheranno mai come le hai fatte sentire." - Maya Angelou

Chiaro e semplice, questo è ciò che separa un buon leader da un leader straordinario.

Grazie per aver letto!

Il tempo è prezioso e voglio riconoscerti per aver investito il tuo.

Se desideri aumentare le tue capacità nelle aree di leadership del team e sviluppo dei dipendenti, seguimi su Twitter a Dan Whalen o mandami un'e-mail a danieljwhalen1@gmail.com.

Questa storia è pubblicata in The Startup, la più grande pubblicazione sull'imprenditoria di Medium seguita da oltre 310.032 persone.

Iscriviti per ricevere le nostre storie migliori qui.